Le migliori attrazioni nella città di Atene

Atene. Il sol nome rievoca quella antichissima civiltà ricca di fascino, culla delle arti, della filosofia e di pensatori come Platone e Socrate che ancora oggi riecheggiano imperiosi. Una città dal passato leggendario e mitologico tutto da scoprire. Se non sai cosa vedere ad Atene nel tuo prossimo viaggio, questo articolo fa al caso tuo.

Acropoli e Agorà

Atene custodisce gelosamente il suo glorioso passato in monumenti che si impongono alla vista del visitatore, in primis l’“Acropoli” che sorveglia la città dall’alto: rappresenta il complesso archeologico più importante della Grecia antica e la ricchezza intellettuale di Atene contrapposta ad esempio alla pura forza fisica di Sparta.
I resti che ammiriamo sono le vestigia della struttura ricostruita da Cimone e Temistocle: la versione originale dell'”Acropoli” fu distrutta nel 480 a.C. dai persiani che però non ne scalfirono il fascino visibile ancora oggi tanto che è stata dichiarata patrimonio dell’UNESCO. L’imponente accesso all'”Acropoli” è costituito dai “Propilei” con le sei colonne centrali in stile dorico e costruiti in grigia roccia di eleusi e in candido marmo pentelico: qui davanti sorgeva, su un alto piedistallo, un carro trainato da quattro destrieri in onore di Pergamo.
Uno sguardo più ampio consentirà di notare il piccolissimo “Tempio di Atena Nike” dedicato alla dea alata della vittoria e risalente al 420 a.C.
Il “Partenone” è il simbolo del sito: questo tempio maestoso con le sue colonne, anch’esse in marmo pentelico, è dedicato ad Atena, protettrice della città, la cui statua splendida in avorio e in oro occupava la stanza più interna. Oggi si può solo intuire l’antica beltà distrutta nel 1687 sotto i colpi dei veneziani.
Ben visibile è poi il “Teatro di Dionisio” luogo delle grandi rappresentazioni di Sofocle, Eschilo ed Euripide, senza contare le famose feste pagane “Dionisie”.
Ottimamente conservato è però l’“Odeo di Erode Attico”, un teatro in pietra più piccolo ma estremamente suggestivo: si pensi che dalle scalinate del teatro è possibile assistere a rappresentazioni proprio come facevano gli antichi greci.
Infine la suggestiva “Loggia delle Cariatidi”: le cinque bellissime figure femminili danno il benvenuto a chi entrava nel “Tempio Eretteo”: si trovano queste forse nel punto più panoramico dell’Acropoli, con vista sulla città fino al mare.
E’ bene specificare che le cariatidi originali sono custodite nello splendido “Museo Archeologico dell’Acropoli” che espone l’era più illuminata dell’antica Atene (V a.C.), tranne una che si trova a Londra nel “British Museum”.

Alle falde dell'”Acropoli” sorge un’altro dei simboli di Atene, l’“Agorà”, il luogo dove la politica tesseva le sue trame e dove Socrate trovò la morte nel 399 a.C. : dopo un periodo di declino è rinata grazie al recupero del “Tempio di Efesto” e alla demolizione di numerose costruzioni moderne.

I quartieri di Monastiraki e Plaka

Se invece si vuole godere di una vista dal basso della collina dove sorge l’Acropoli, è consigliato visitare il pittoresco “Monastiraki”, un quartiere dall’impronta musulmana tra i cui vicoli si celano il celebre Mercatino delle Pulci, simbolo della multiculturalità della città, la “Moschea Tzistarakis” testimonianza della dominazione degli ottomani, le chiese “Mikkri Metropoli” e “Megali Metropoli”, i resti della Biblioteca di Adriano e l’ottagonale “Torre dei Venti”.
Al confine col “Monastiraki ” c’è una delle zone più caratteristiche e turistiche di Atene, il quartiere “Plaka” ricco però non solo di caffè e negozietti di souvenir, ma anche di bellissimi monumenti quali i resti del “Tempio di Zeus” e le due chiese bizantine di “San Nicodemo” e “S.Nicola Rangabas”, senza dimenticare il “Museo di Arte Folkloristica Greca”.

Dal Museo Archeologico Nazionale agli Evzones

Il ricco patrimonio storico-archeologico di Atene è racchiuso poi nel “Museo Archeologico Nazionale”, uno dei musei più importanti al mondo dove, tra vaste collezioni di ceramiche e sculture, viene narrata la storia della città e della civiltà ellenica sin dalla preistoria: tra i gioielli del museo vi sono la testa di Zeus, la maschera funebre di Agamennone e la statua bronzea di Poseidone.
Non si può lasciare Atene senza visitare “Plateìa Syntàgma” o “Piazza della Costituzione” dove si trovano il maestoso “Palazzo del Parlamento” e il monumento dedicato al milite ignoto davanti al quale le guardie evzones, in tipici uniformi greche, si esibiscono nel famoso cambio della guardia.
A due passi si trova l’elegante quartiere di “Kolonaki” da cui parte la funicolare per “Licabetto”, la collina più alta tra quelle sulle quale si adagia da secoli Atene e quella che offre gli scorci più belli e indimenticabili della città.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *